Adempimenti annuali Agenzia Dogane

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Approfondimenti per adempimenti annuali Agenzia delle Dogane e dei Monopoli
Versamento diritto annuale rinnovo licenza
Da effettuarsi nell’anno corrente a valere per l’anno successivo. Il versamento è pari a 23,24 € per licenze con “uso proprio” dell’energia (impianti fotovoltaici tradizionali in SSP/RID o autoconsumo) oppure ...

€ 77,47 per licenze ad uso commerciale di energia (particolari impianti SEU-SSPC che “rivendono/cedono” energia a soggetti all’interno della propria proprietà).

Il versamento va effettuato mediante modalità diverse alternative e per la maggiore si utilizza il Modello F-24 integrato con la sezione "accise" e scaricabile dal sito internet dell'Agenzia delle Entrate oppure a mezzo di bollettino postale.

Il bollettino postale va intestato alla “Tesoreria Provinciale dello Stato di XXX” (con XXX=Provincia di ubicazione dell’impianto fotovoltaico) con conto corrente postale YYY (con YYY che varia in base alla Provincia legata alla sede doganale <a questo link è riportato un pdf con le indicazioni sul conto corrente postale in base alla provincia: si invita ad ogni modo a verificare la correttezza del conto anche contattando la sede dell’Agenzia delle Dogane locale di competenza>) e con causale “Diritto di Licenza per l'anno KKKK - imputazione Capo I - Capitolo 1419” (con KKKK anno per cui si richiede il rinnovo licenza ovvero anno successivo all’anno corrente –es. se effettuo il versamento di rinnovo dal 1 al 16 dicembre dell’anno 2016 allora in KKKK va inserito 2017 e così via-).

Il modello F24 integrato con la sezione Accise è prelevabile dal sito dell’Agenzia Delle Entrate. Per effettuare il pagamento con tale modalità occorre conoscere il cosiddetto codice ditta attribuito dall’Agenzia delle Dogane di competenza in seguito al rilascio della licenza di esercizio. È un codice che si trova impresso sulla licenza di esercizio emessa dall’Agenzia delle Dogane e oltre a permettere il pagamento con F24 è necessario anche per la compilazione della Dichiarazione Annuale e va anche comunicato al gestore di rete –es. ENEL Distr.- non appena noto dal produttore/titolare dell’impianto fotovoltaico. Il codice ditta è della forma IT00ααExxxxxβ : IT00 è fisso, αα=sigla della provincia di appartenenza dell’impianto, xxxxx=codice numerico di 5 cifre, β=lettera di controllo. Ad es. per impianto in provincia di Teramo si avrà qualcosa del tipo IT00TEE00818Y (ATTENZIONE non si tratta del vostro specifico codice, è solo un esempio). Il codice va usato nell’F24-Accise in questo modo: compilare dapprima coi dati anagrafici della società (intestazione, P.IVA…, nel campo dell’F24 denominato “ENTE” va inserita la lettera “D” che sta per dogana, su provincia si inserisce la sigla (ad es. TE per Teramo); sul campo “codice tributo va inserito “2813”, nel campo codice identificativo va inserito il succitato codice ditta privo della sigla iniziale "IT00". Segue un esempio di compilazione del codice ditta di esempio IT00TEE00818Y:

 

Dichiarazione Annuale Di Consumo
Al fine di ottemperare per la prima volta all'incombenza amministrativa dell'Agenzia delle Dogane inerente la compilazione e l'invio della dichiarazione annuale di consumo dell’impianto fotovoltaico, occorre preliminarmente procedere all'abilitazione ovvero all' autorizzazione formale all'invio della dichiarazione in via telematica.

La dichiarazione va effettuata ogni anno entro il 31 marzo ed è riferita alle misure dell'anno precedente; es.: nell'anno 2017 andrà effettuata la dichiarazione riferita alle letture rilevate nell'anno 2016 o più precisamente rilevate da quando è entrato in funzione l'impianto (se l’allaccio è avvenuto proprio nel 2016).

Per la redazione e invio della dichiarazione annuale e parte dell'eventuale abilitazione/accreditamento al sistema telematico delle Dogane consigliamo al fine di evitare errori di rivolgersi a professionisti/commercialisti con specifiche competenze specie se è la prima volta che si effettua la procedura.

OSSERVAZIONE IMPORTANTE: nel caso si sia già abilitati al sistema telematico doganale EDI ad esempio per dichiarazioni INTRA o altro, occorre comunicarlo all’eventuale professionista/commercialista perchè in base al tipo di autorizzazione a cui un utente si è già autorizzato in passato, potrebbe accadere che la richiesta di accreditamento al sistema EDI non vada effettuata ex novo ma occorra invece l’inoltro di una istanza di modifica alle autorizzazioni includendo, oltre alle autorizzazioni già possedute, anche quelle per l'invio dei "Modelli Accise".

La prima volta che si effettua la dichiarazione (solo la prima volta) va appunto richiesta l'autorizzazione all'invio della dichiarazione stessa accreditandosi al sistema elettronico doganale (EDI). Tale procedura può effettuarla il professionista per conto dell’utente; il commercialista/professionista può ad ogni modo, perlomeno per alcune fasi, (che ripetiamo vanno effettuate una sola volta e mai più), chiedere il supporto del proprietario dell’impianto fotovoltaico.

Per meglio comprendere la procedura suddetta riportiamo le fasi indicative e riassuntive per l'abilitazione all'invio della dichiarazione annuale di consumo in modalità telematica (che è la sola ed unica modalità accettata):

  1. la compilazione elettronica sul sito dell' Agenzia Delle Dogane di una richiesta, detta ISTANZA DI ADESIONE, al sistema telematico doganale EDI (Elecronic Data Interchange) al fine di richiedere appunto l'accreditamento al sistema stesso per l'invio delle dichiarazioni; occorre inserire dei dati nei moduli anagrafici della società e del titolare e bisogna scegliere a quali azioni si intende essere abilitati; si sceglie poi una vicina sede doganale;
  2. al termine della compilazione dell'ISTANZA DI ADESIONE il sistema permette di stampare 2 fogli in cui sono contenuti dei codici detti di ACCESSO che vanno conservati e dei fogli che vanno invece presentati dal titolare alla sede doganale più vicina che dev'essere la stessa indicata nella fase 1 precedente; precisiamo che il titolare che deve recarsi alle dogane è il rappresentante legale della società indicato all' Ag. delle Dogane cioè il solo ed unico soggetto abilitato ufficialmente dalle dogane, nel caso di dubbio rivolgersi ai professionisti che hanno curato inizialmente le pratiche doganali dell’impianto fotovoltaico (in alternativa contattare la sede doganale locale di riferimento).;
  3. la sede doganale rilascerà al titolare della società, previa presentazione sia del suo documento di identità valido, sia dei fogli stampati al punto 2, altri fogli con altri numeri detti di AUTORIZZAZIONE; in alternativa al titolare, alla sede doganale può recarsi qualsiasi altro soggetto purché sia provvisto del suo documento di riconoscimento originale oltre che dei documenti del punto 2 nonché del documento di identità ORIGINALE del titolare e soprattutto munito di apposita e specifica delega del titolare (delega di cui è disponibile opportuno modello sul sito delle dogane o direttamente a tale link);
  4. ottenuti i due tipi di codice di ACCESSO e di AUTORIZZAZIONE occorre tornare sul sito dell'Ag. delle Dogane e inserire in modo opportuno entrambi i suddetti codici accedendo una volta a nome della società e una volta a nome del titolare ("sottoscrittore") per ottenere altri codici; nel caso di primo accesso come società si otterranno le credenziali di accesso ai servizi di rete, e le credenziali di accesso all'applicazione, mentre nel caso di secondo accesso come persona fisica ("sottoscrittore") ci si procureranno le relative credenziali di accesso ai servizi di rete, le credenziali di accesso all'applicazione e le credenziali di sicurezza ovvero il PIN e il PIN DI REVOCA. Questi ultimi due PIN dovranno essere impiegati per generare, previo inserimento delle credenziali di accesso all'applicazione come "sottoscrittore", le chiavi che consentono il calcolo dei codici di autenticazione che a loro volta sono necessari per creare, tramite opportuna procedura, la firma digitale per poter crittografare ovvero firmare elettronicamente per mezzo di un opportuno software e per mezzo di un'apposita procedura, le dichiarazioni da inviare telematicamente;
  5. Svolti i quattro punti precedenti al fine dell'accreditamento effettivo al sistema EDI, il passaggio finale è quello di inviare in apposito "ambiente di prova" una dichiarazione annuale di consumo seguendo quindi tutti i passaggi formali e sostanziali per poter superare i controlli dell'area di prova e poter quindi ottenere il lascia passare per inviare davvero la dichiarazione nell'"ambiente reale"; dal momento che si potrà terminare davvero la procedura di accreditamento solo dopo aver superato con successo (senza alcun errore) l'invio della dichiarazione nell'ambiente di prova, è evidente che occorrerà compilare preventivamente la dichiarazione annuale stessa e per questo la prima volta consigliamo di affidarsi ad un professionista/commercialista.

I punti sopra elencati riguardano la sola fase di accreditamento; sono state qui tralasciate le specifiche procedure descrittive della compilazione effettiva della dichiarazione annuale di consumo, degli specifici software per l'inserimento dei dati e di quelli per firmare e convertire la dichiarazione nel formato accettato dal sistema EDI.

La complessità e numerosità dei vari passaggi li rende tutt'altro che banali specie nel caso di prima dichiarazione annuale ed è per questo che si consiglia nuovamente e fortemente di rivolgersi a terzi per l’effettuazione di tutte le fasi sopra elencate.

 

 

 

Richiedi preventivo gratuito

 

 

Contatti

Via XXIV Maggio n.27

64021 Giulianova - Teramo

P.Iva 01895910675

Phone: +39 085 800 2665

Email: info@bittsrl.com

© 2018 Bitt Srl - P.IVA 01895910675 - REA TE162269. All Rights Reserved.

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookie.

Utilizzando il nostro sito l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.